Pocket Full Of Fatcaps: Il Valore di Esposizione

Ci sono momenti in cui misurare i valori per una corretta esposizione e’ difficile. Ad esempio se di notte vogliamo fotografare le luci della citta’ la lettura sara’ imprecisa perche’ quelle lontane fonti di luce non sono abbastanza intense da arrivare a colpire le celle dell’esposimetro; Oppure quando vogliamo capire se il rullino da 400 iso che abbiamo in casa ci permettera’ di scattare durante la nostra passeggiata mattutina con la nostra Brownie evitando di bruciare le foto causa un limite tecnico di f/16 e 1/30.

La saluzione c’e’, e’ un po’ complicata ma c’e’!

Quello che andremo a conoscere e sfruttare e’ il  “valore di esposizione” o EV (Exposure Value) il quale e’ un numero univoco che indica la luminosita’ di una scena.

Si ottiene tramite un calcolo matematico riferito ad una sensibilita’ di 100 ISO, ed e’ uguale al logaritmo in base 2 del quadrato dell’apertura diviso i tempi:

EV_Formula

Ne consegue che lo stesso valore di esposizione puo’ essere ottenuto con combinazioni diverse dei tre parametri (che e’ poi il concetto base dell’esposizione e del fare fotografia)

Tralasciando tutta la parte matematica, concettuale e cervellotica possiamo molto semplicemente rifarci ad uno dei tanti schemi presenti in rete, qui sotto ne propongo uno:

Tabella-EV

Adesso per poter sfruttare il valore di esposizione occorre collegarlo alla Sunny 16 la quale dice che: a 100 ISO in una giornata di sole con ombre nette per avere una corretta esposizione useremo f/16 e un tempo piu’ vicino possibile al Numero di ISO della pellicola che abbiamo caricato. Anche l’EV e’ un calcolo che si basa sui 100 iso quindi incrociando i diaframmi e i tempi della regola (f16 e 1/125) sulla tabella EV qui sopra, ricaviamo un valore pari a 15. Ne consegue che EV 15 e’ la quantita’ di luce presente in una giornata di sole con ombre nette!

Di seguito propongo uno schema esemplificativo di come sfruttare il valore EV in combinazione con la regola Sunny 16 a differenti iso mantenendo 1/125 come tempo di scatto:

Torniamo a noi, cioe’ a cosa ci serve tutto questo. Un esempio pratico, come accennavo, e’ aiutarci a decidere quale rullino prendere capendo se la quantita’ di luce che troveremo nella scena che stiamo andando a fotografare rientra nei limiti tecnici della nostra macchina, oppure a capire i valori di tempi e diaframmi in condizioni in cui l’esposimetro rischia di non funzionare (ad esempio di notte).

 

 

2 thoughts on “Pocket Full Of Fatcaps: Il Valore di Esposizione

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.