Pocket Full Of Fatcaps: Esporre Senza Esposimetro

Puo’ capitare, usando vecchie macchine analogiche, che la batteria dell’esposimetro finisca, oppure che le celle di selenio passino a miglior vita proprio nel momento sbagliato o, piu’ semplicemente, che la macchina non abbia un esposimetro!

Come risolvere questo problema? con una vecchia “regola” che i nostri nonni avevano scoperto per “indovinare” l’esposizione. In realta’ dietro ci sono calcoli, sperimentazioni e una raffinata conoscenza del mezzo 😉

La cosiddetta regola Sunny 16 dice che in una giornata di sole senza nuvole si imposta il diaframma su f/16 e il tempo il piu’ vicino possibile agli ISO della pellicola che stiamo usando.

Quindi se sto usando una pellicola 400 ISO settero’ i diaframmi a f/16 con un tempo di 1/500, con 100 ISO usero’ invece un tempo di 1/125 e cosi’ via.
Una volta impostata la regola del 16 possiamo cambiare i diaframmi compensando di conseguenza i tempi a seconda delle nostre necessita’. Ad esempio con ISO 200 dovrei usare f/16 e 1/250, ma se la mia necessita’ e’ ad esempio quella di fotografare un ciclista in rapido movimento, posso aprire di 2 stop la focale fino a f/8 e compensando aumento i tempi di 2 stop ottenendo 1/1000.

Questo va bene per condizioni di luminosita’ ottimali, con un sole abbastanza forte da proiettare ombre nette, ma la stessa regola si applica anche ad altre condizioni di luce, l’unica variazione’ sara’ sul parametro dei diaframmi. Cosi’ in una giornata soleggiata ma non troppo, nella quale il sole crea ombre poco marcate, useremo f/11 invece di f/16, per una giornata nuvolosa, con ambre appena visibili, useremo f/8 e per un tempo decisamente nuvoloso, quindi senza ombre, o per scatti in piena ombra arriveremo ad usare f/5.6

Sunny-16

In condizioni “particolari”, ad esempio scattando in ambienti altamente riflettivi come sulla neve o sulla sabbia chiara, si puo’ usare f/22 mentre per un tramonto o un’alba si imposta f/4 arrivando a f/2.8 per i minuti appena prima di vedere il sole.

Come regola generale in caso di controluce, qualsiasi sia la “potenza” della fonte luminosa, per avere il soggetto ben esposto occorre di aumentare di due stop i diaframmi.

La Sunny 16 non si ferma qui ma ci aiuta anche in condizioni piu’ particolari ed estreme: ad esempio scendiamo a f/2 se desideriamo fotografare insegne al neon  o i primissimi bagliori di alba e tramonto, f1.4 per esporre le fiamme , le vetrine dei negozi dopo il tramonto o eventi notturni all’aperto e alla fine f/1 per fototgrafare in interni (con luce brillante) o eventi al chiuso sia sportivi che teatrali.

Va ricordato che poi in camera oscura, quando si va a stampare la foto, oppure quando scannerizziamo il negativo, abbiamo un margine di almeno 2 stop di recupero, quindi e’ abbastanza difficile sbagliare completamente l’esposizione

I 2 diaframmi disponibili nella Ferrania Eura
I 2 diaframmi disponibili sulla Ferrania Eura

C’e’ da aggiungere che questa regola e’ la base della costruzione di certe vecchie macchine, tornate di moda con l’ondata lomografica di qualche anno fa, come ad esempio la Kodak Brownie, che non ha nessun controllo: fuoco fisso all’infinito, diaframma fisso a f/15 e tempo fisso a circa 1/30  che le permettono, con un rullino 100 ISO (all’epoca i piu’ diffusi), di fare foto perfettamente esposte; Oppure come la Ferrania Eura che ha tempo di scatto fisso a circa 1/50 e la possibilita’ di scegliere solo due diaframmi f/12 per le giornate di sole e f/8 per quelle nuvolose, riferiti ovviamente a ISO 100.

Queste macchine andrebbero usate solo in determinate condizioni ma, padroneggiando la regola Sunny 16 possiamo calcolare che sensibilita’ di pellicola usare per sfruttare le impostazioni fisse secondo le nostre necessita’: ad esempio montando una pellicola 400 ISO sulla Ferrania Eura, la macchina potra’ essere usata in condizioni di piena ombra quindi con 2 stop di differenza.

 

5 thoughts on “Pocket Full Of Fatcaps: Esporre Senza Esposimetro

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.